Benvenuti nel mio blog.
Ho iniziato questa mia nuova avventura spinta dalle insistenze della mia famiglia, in particolare da due miei "aficionados", dagli ospiti del mio bed&breakfast nonchè da tutti gli amici che subiscono, di buon grado, la mia passione per il thè dato che è sempre accompagnato da qualche nuova dolce esperienza culinaria.
Questo blog è il diario della piccola, tranquilla, meravigliosa vita di un piccolo bed and breakfast; vi andrò annotando sopratutto le mie ricette dei dolci e dei piatti tipici della cucina calabrese ed un poco della storia, delle tradizioni, della musica, della letteratura, della splendida natura e della bellezza incantatrice di questo angolo di Calabria.

A tutti voi amici che mi regalate il piacere della vostra attenzione chiedo di lasciare, al vostro passaggio, un commento, i vostri suggerimenti.
Grazie e buona lettura.

"E' un privilegio preparare la stanza in cui dormirà qualcun altro" E. Jolley

"E' un privilegio preparare la stanza in cui dormirà qualcun altro"  E. Jolley
Accomodatevi prego, se desiderate visitare il mio bed & breakfast

lunedì 18 febbraio 2008

A' Struncatura

Oggi vi vorrei proporre questo piatto tipico della cucina cittanovese; è uno di quei piatti definiti "poveri" perchè nati dalla necessità di creare dei piatti saporiti avendo a disposizione quasi niente. A volte erano le nostre nonne che si inventavano le ricette sperimentando legami di piccoli sapori, altre volte erano i nonni, contadini o pastori o boscaioli, che lontani da casa "creavano" mentre si riscaldavano intorno ad un piccolo fuoco. Il nome "Struncatura" è dato dal tipo di pasta nera perchè fatta con gli scarti della lavorazione delle varie farine; pasta di cui oggi è vietata la produzione e che viene sostituita con la pasta intergrale perdendo naturalmente le sue peculiarità nutritive e di sapore.

Ingrdienti per 4 persone:
gr 450 di pasta integrale;
8 filetti di alici sottolio;
gr 100 di olive nere;
2 o 3 fette di pane raffermo, meglio se integrale;
1 spicchio di aglio;
1 cucchiaino di peperoncino in polvere;
olio di oliva;
sale qb.

In una padella, preferibilmente larga, versate l'olio d'oliva e ponete a riscaldare a fiamma moderata; mettete dentro lo spicchio d'aglio privato della parte esterna e tritato, i filetti di alici tagliuzzati in pezzetti piccoli perchè si devono sciogliere nel fondo di cottura, le olive snocciolate e spezzettate grossolanamente ed il peperoncino; fate soffriggere a fiamma bassa, davvero molto poco, perchè gli ingredienti devono colorare ma non devono risultare bruciacchiati; versate dentro il pane raffermo grattuggiato, fatelo imbiondire e spegnete la fiamma. Nel frattempo avrete cotto la pasta che farete saltare in padella finchè non avrà incorporato il sughetto. Servire rigorosamente calda.

Piccolo consiglio: viene ottimo con la pasta integrale fatta in casa.

Nessun commento:



Le mie ricette ed i miei pensieri sono a disposizione di chiunque li ritenga degni di interesse ed intenda naturalmente farne un buon uso prego però, cortesemente, chiunque voglia prelevare copia, anche parziale, dei testi originali pubblicati su questo Blog e darne diffusione di chiedermene preventiva autorizzazione e, naturalmente, di citarne la fonte.


Qualora la pubblicazione di foto o di talune informazioni tratte da Internet e pubblicate su questo Blog violasse eventuali diritti d'autore, vogliate cortesemente segnalarlo e saranno subito rimosse.


Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità.



("ai sensi della "legge 22/4/1941 n.633", "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio" e delle successive modifiche). La normativa vigente considera reato penale la violazione dei diritti di copyright)